# CULTURA
Cenni Storici
Da Visitare
Tradizioni
Miti e leggende
Curiosità
Gastronomia
Itinerari & Guide
Associazioni e Sport
 
# NEWS & ATTUALITA'
Notizie ed attualità
Cerca News in Archivio
Iniziative Web
Informazioni Varie
Come arrivare
Previsioni del Meteo
Mappa della città
 
# EDITORIA & LIBRI
Mensile "La Voce"
Editoria e Libri
Bibliografie
 
# PHOTOGALLERY
Foto almanacco
Foto d'epoca
Scenari notturni
Disegni artistici
Natura e ambiente
 
# WEBCOMMUNITY
WebForum
Commenti
WebChat
Area Download
Webmail
Newsletter
Top Links
Scambio Banner
 
# SERVIZI UTILI
Dove mangiare
Dove dormire
Case e immobili
Prodotti tipici locali
Arte ed artigianato
Servizi e attività varie
 
 
 
Ads by PartnerWeb
 
 
 

Obiettivo Caltabellotta
Propone raccolte di immagini tematiche sulla città, sui monumenti, sul paesaggio e sulle tradizioni popolari e religiose
www.caltabellotta.net

 
     
 

Comune di Caltabellotta
Il sito della Rete Civica di Caltabellotta come strumento di informazione e di comunicazione con i cittadini
comune.caltabellotta.it

 
     
 

Festa della Madonna
Festegggiamenti in onore di Maria SS. dei Miracoli e del SS. Crocifisso, protettori di Caltabellotta
festamadonna.it

 
     
 

Caltabellotta Meteo
Sito Web dedicato al monitoraggio in tempo reale delle condizioni Meteorologiche sul territorio Caltabellottese
caltabellottameteo.com

 
 
 
> CALTABELLOTTA.COM > MITI E LEGGENDE >
IL RITO DELLA PIOGGIA
 
Nel 1954 si ebbe un’annata di gran siccità fino al 25 marzo del 1955 quando per decisione degli stessi cittadini, si volevano portare i simulacri della Madonna dei Miracoli, di San Pellegrino e di un Cristo che una vecchia signora aveva sognato, il Diovivo della chiesetta dei Cappuccini, posto all’interno delle catacombe del convento annesso. Non appena il crocifisso fu portato fuori, dal mare in direzione di San Calogero, apparve una nuvoletta che man mano si avvicinava andava ingrossandosi fino a coprire tutto il cielo. Intanto dalla Chiesa di Sant’Agostino era portata la Madonna, mentre tutta la gente piangendo gridava: “L’acqua e lu pani vulemu”! Uno dei tanti sacerdoti affermava che l’acqua sarebbe caduta solo da recipienti, letteralmente: “Ora l’acqua vi la duna cu lu bummulu!” Nonostante ciò il popolo portò, penitente, i simulacri verso la contrada Giubbu ad ovest della cittadina, dove le “vare”, sgabelli sui quali tutt’oggi sono poste le statue dei Santi, furono sistemate in modo da guardare verso la città e posate sull’orlo del precipizio. A quel punto dopo tanta preghiera iniziò a cadere dal cielo una pioggia incassante, che durò per tutta la processione inondando le campagne assetate. Da quel giorno ogni anno è fatta una festa di ringraziamento, detta “di li fimmini”, che vuole ricordare il grande miracolo della pioggia. Ancora oggi nei periodi di siccità, i simulacri della Madonna dei Miracoli, del Diovivo e di San Pellegrino, dopo “li missi di grazia” che durano per una settimana, sono portati nella stessa contrada, posti allo stesso modo di come furono sistemati in quell’anno ed è fatta una processione di penitenza. Spesso tale sacrificio è accettato da Dio che nella sua bontà dona la pioggia.
 
 
* Il DIO VIVO della Chiesa dei Cappuccini - Foto di Giuseppe PARINISI
 

Caltabellotta.com - Il Portale della Città di Caltabellotta
© 1999/2017 - Tutti i diritti sono riservati

Progetto e realizzazione tecnica a cura di Antonino MULE'
Gestione a cura di Antonino MULE' e Accursio CASTROGIOVANNI