# CULTURA
Cenni Storici
Da Visitare
Tradizioni
Miti e leggende
Curiosità
Gastronomia
Itinerari & Guide
Associazioni e Sport
 
# NEWS & ATTUALITA'
Notizie ed attualità
Cerca News in Archivio
Iniziative Web
Informazioni Varie
Come arrivare
Previsioni del Meteo
Mappa della città
 
# EDITORIA & LIBRI
Mensile "La Voce"
Editoria e Libri
Bibliografie
 
# PHOTOGALLERY
Foto almanacco
Foto d'epoca
Scenari notturni
Disegni artistici
Natura e ambiente
 
# WEBCOMMUNITY
WebForum
Commenti
WebChat
Area Download
Webmail
Newsletter
Top Links
Scambio Banner
 
# SERVIZI UTILI
Dove mangiare
Dove dormire
Case e immobili
Prodotti tipici locali
Arte ed artigianato
Servizi e attività varie
 
 
 
Ads by PartnerWeb
 
 
 

Obiettivo Caltabellotta
Propone raccolte di immagini tematiche sulla città, sui monumenti, sul paesaggio e sulle tradizioni popolari e religiose
www.caltabellotta.net

 
     
 

Comune di Caltabellotta
Il sito della Rete Civica di Caltabellotta come strumento di informazione e di comunicazione con i cittadini
comune.caltabellotta.it

 
     
 

Festa della Madonna
Festegggiamenti in onore di Maria SS. dei Miracoli e del SS. Crocifisso, protettori di Caltabellotta
festamadonna.it

 
     
 

Caltabellotta Meteo
Sito Web dedicato al monitoraggio in tempo reale delle condizioni Meteorologiche sul territorio Caltabellottese
caltabellottameteo.com

 
 
 
> CALTABELLOTTA.COM > ATTUALITA' ED ULTIMI AVVENIMENTI > ANNO 2009
GRUPPO CONSILIARE PRIMAVERA: "PER CALTABELLOTTA E SANT'ANNA IL SINDACO E TRE ASSESSORI NON SONO PIU' CHE SUFFICIENTI?"
 

a cura di Cosimo Tamburello


Con riferimento a quanto indicato in oggetto, per contenere la spesa pubblica. l'Assemblea Regionale Siciliana ha approvato la legge n. 22 del 16 dicembre 2008 dove al comma 1 dell'art. 1 si legge: "1. La giunta comunale e la giunta della provincia regionale sono composte rispettivamente dal sindaco e dal presidente della provincia ... e da un numero di assessori, stabilito in modo aritmetico dagli statuti, che non deve essere superiore al 20 per cento dei componenti dell'organo elettivo di riferimento. Nei comuni con popolazioni fino a 10.000 abitanti il numero degli assessori non può comunque essere superiore a 4." Molto chiara l'indicazione del 20% meno chiara quella del numero degli assessori per i comuni fino a 10.000 abitanti. Forse sollecitato da molti dei 268 comuni con popolazione fino 10.000 abitanti, l'assessore alle Autonomie Locali, Scoma (quello del pasticcio del commissario alla Casa di Riposo in concorso con tanti altri), ha inviato la circolare n. 01/2009, nella quale si legge: «... l'Assemblea regionale non ha inteso applicare la regola generale del rapporto del 20% per i comuni con popolazione fino a 10.000 abitanti, cioè per i comuni i cui consigli... sono composti da 15 e 12 unità (numero massimo di 4 invece di 3 e 2);». L'Assessore chiarisce ogni equivoco assegnando, bontà sua, un massimo di 4 assessori invece di 3 e 2 ai comuni con popolazione fino a 10.000 abitanti, aumentando in questo modo la spesa pubblica a carico dei loro bilanci.
Su 390 comuni siciliani sono, infatti, 268 quelli con abitanti fino a 10.000 che avrebbero dovuto avere non più di due assessori ( fino a 3.000 abitanti) o tre assessori (fino a 10.000 abitanti), ma che, "liberati" da ogni ragionevole dubbio dalla circolare dell'ass. Scoma, faranno la corsa a 4 assessori. Ma c'è un altro dato che contrasta con ogni logica politico-amministartiva: con riferimento a due comuni a noi vicini. Calamonaci (ab. 1408 e 12 consiglieri) e Ribera (ab. 19603 e 20 consiglieri) sulla carta possono avere lo stesso numero di assessori: 4. Calamonaci "liberato" dalla circolare dell'ass/re e Ribera. invece, "vincolato" dal del 20%. Naturalmente Calamonaci e Ribera sono solo una esemplificazione per tutta la Sicilia.
Nel nostro Comune il Sindaco e la sua giunta hanno proposto il numero massimo di 4 assessori con la delibera n. 30, approvata nella tarda serata del 31-03-2009, dopo la seduta consiliare nella quale il gruppo Primavera aveva sollevato il problema della modifica dello Statuto.
Tutto ciò premesso sottopongo alla valutazione dei destinatari in indirizzo, per quanto di loro competenza, cinque osservazioni con relativa conclusione.
1) La prima parte del comma 1 (quella del 20%) dell'ari. 1 è incongruente con la seconda parte dello stesso comma (quella dei comuni con 10.000 abitanti) sia sul piano linguistico-formale (vedasi il significato di "comunque" ) sia sul piano sostanziale (per le disparità tra i comuni nel rapporto tra numero di assessori e numero di abitanti e di consiglieri ) sia, soprattutto, per la finalità da conseguire (contenimento della spesa).
2) La circolare, e con essa il numero massimo di 4 assessori, non è vincolante avendo I' interpretazione dell'ass/re valore discrezionale per chi deve procedere alla modifica dello Statuto.
3) Le amministrazioni e/o i consigli comunali possono scegliere un numero di assessori inferiore a quattro (anche tre, due ...) indipendentemente sia dalla legge che dalla circolare.
4) Anche se sì dovesse trattare di un solo assessore in più rispetto al necessario, il suo costo graverebbe sul bilancio comunale. E una volta inserito nello Statuto chi lo cambia più?
5) Se la seconda parte del comma e la circolare venissero sottoposte al giudizio di organi competenti verrebbero spazzate via per la disparità tra i comuni in rapporto al numero degli assessori assegnati rispetto al numero dei loro abitanti e dei consiglieri del loro organo elettivo di riferimento.
I legislatori regionali ce I' hanno messa tutta per confondere le idee ma, prima, i sindaci e le loro giunte e, poi, i consiglieri comunali possono porre rimedio a tanta inadeguatezza politica. Voglio sperare che Caltabellotta sia tra i comuni virtuosi col concorso di tutti in sede di discussione e approvazione della modifica dello Statuto in consiglio comunale.
Non sono più che sufficienti il sindaco e tre assessori per Caltabellotta e S. Anna?

 

Caltabellotta.com - Il Portale della Città di Caltabellotta
© 1999/2019 - Tutti i diritti sono riservati

Progetto e realizzazione tecnica a cura di Antonino MULE'
Gestione a cura di Antonino MULE' e Accursio CASTROGIOVANNI